Recensione: LISA POLI
Debutto discografico per la nostrana LISA POLI. Il lavoro si giostra su 3 brani, per un totale di circa 12 minuti. Ben curati nella loro stesura, si nota subito l’ affinità ad un certo tipo di musicalità, che certo oggi va x la maggiore sul nostro territorio. L’ influenza di varie icone del genere vedi Pausini, e soprattutto Irene Grandi si percepisce fin dal primo ascolto. Ottimi arrangiamenti, ben curati dalla mente esperta di Riccardo Eterno, in cui Lisa si cala con decisa personalità, che di questi tempi, per niente guasta. Dicevo 3 brani che scivolano via bene, senza intoppi di sorta, il concetto della semplicità, del massimo risultato con il minimo sforzo, torna alla carica prepotentemente. Brano hit del disco è sicuramente la rockettara ” Improvvisamente Tu ” decisamente la più matura, e quella che più rimane all’ ascolto, una chitarra Knofleriana che rende magico il begin del brano che con l’ inciso trova il suo momento migliore. La mia preferita indubbiamente.

Recensione di Marco Bicchierini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: