The Bugz – intervista

::Formazione::

_Cristiano Del Vita:: chitarre e voce
_Emiliano Valenti:: basso
_Alessio Scatena:: batteria

1-) The Bugz storia:

Cristiano\ I bugz sono nati precisamente nel 1995 quando ancora bambino suonavo la chitarra in un gruppo punk e guarda caso chi suonava la batteria era il mio attuale batterista Alessio. Ho sempre odiato gli schemi delle canzoni verso\ ritornello\verso\ritornello e suonare quel tipo di musica che segue sempre il medesimo percorso ci sembrava monotono. Cosi abbandonai tutto, mi trascinai dietro Alessio (che non vedeva l’ora) e sono nati i Bugz.
Da principio era un duo molto noise, senza basso , provavamo al “macchia nera” (quando riuscivamo a suonare) e molte volte finiva in jam session con  gli zen (ora zen circus) di cui faceva parte il nostro attuale bassista.
il suono era molto duro , una sorta di indie noise. Purtoppo poi sono capitati molti inconvenienti di line up
(non si trovavano bassisti) e questo ci ha rallentato.
In seguito ho un po’ abbandonato la strada del noise per comporre pezzi più personali, che rispecchiassero di più la mia e
nostra esigenza di fare veramente musica propria, non affidandosi alla solita “ricopiatura” di bands o alle mode del momento.

2-) Con quale musica siete cresciuti e quale musica ascoltate adesso?? Fateci qualche titolo

Il gruppo con cui siamo cresciuti sono certamente i Melvins piu che come sonorità (se si esclude il nostro primo cd), come attitudine. Se dovessi dirti un disco non saprei: ci piacciono tutti. Poi a ruota Pixies, jesus lizard,primus ,sonic youth, bob log, shellac, Blues explosion, stooges germs dead kenedis no smoking mudhoney scratch acid nin big black elvis kila violent femmes who beatles bregovic ventures,dick dale, tornadoes… ma alla fine la lista dei nomi sarebbe lunga per scriverla, e riduttivo per elencare le nostre influenze.

3-) Raccontatemi della gestazione del cd autoprodotto: Unluchy People, e se volete, nello specifico, quali sono i costi da sostenere per l’ autoproduzione?

Cristiano\Purtroppo per fare qualsiasi tipo di arte (almeno in Italia) bisogna svenarsi, soprattutto se il prodotto non è ben stirato, pulito, risentito o già visto. I costi perciò non sono cosi popolari, molto dipende anche dal livello con cui si vuole registrare.
Insomma più soldi avete meglio è. Ma a parte le banalità oggi ci si può affidare come stiamo facendo noi per i promo del prossimo lavoro ad un computer con una buona scheda audio.

4-) The unluchy people è il vs secondo cd, non sappiamo niente del primo. Sul sito non ce n’è traccia, parlatecene. Quali li differenze di suoni, formazione, le particolarita’ etc etc

Il primo cd, che si chiama “mr. bug”, decidemmo di farlo molto “violento”, anche perchè avevamo un impronta noise, dal feed back delle chitarre e da una batteria che picchia. Non potrei neanche più cantare in quel modo, rischierei le corde vocali. Comunque, non è un lavoro poi cosi male per essere un debutto, e prossimamente sul sito metteremo qualche mp3 del nostro vecchio demo.
Approfitto per ricordare l’indirizzo, www.thebugz.3000.it

5-) Cio’ che rende particolare il vostro suono sono le inaspettate aperture a ritmi addirittura popolar-stornelleschi frullate insieme a sonorita’ indies americane (pixies, minutemen su tutti) Siete d’accordo?

Certamente gente tipo i pixies hanno influenzato il gruppo, mentre per minuteman non direi, ma comunque cerchiamo di fare musica più “Bugz” possibile, e tutte le influenze saltano fuori cosi, quando meno te lo aspetti, molto interessanti sono le sonorità di jon spencer, man or astroman, jesus lizard, l’ allegra banda di steve albini, ma anche lo spirito della musica popular è fonte di ispirazione, ed a questi si mescolano altri generi ancora.

6-) Quando non siete The Bugz, ma poveri comuni mortali quali lavori svolgete?

Uno è primario al s.Chiara di pisa. Uno è avvocato, l’altro è architetto.

7-) In passato avete partecipato al tributo agli Stogees, A BOTTLE IN THE ASS per l’etichetta Pisana ICEFOREVERYONE raccontateci l’ esperienza.
Nel vostro calendario futuro ci saranno operazioni simili?

Abbiamo appena fatto una compilation per arezzo wave con il pezzo “the revenge of the pigs”, e collaborato con diversi registi per le colonne sonore di cortometraggi , avevamo un progetto per far uscire una compilation prodotta dalla scena pisana.

😎 A proposito di Iceforeveryone, al momento cosa sta producendo?

Al momento ci sono molti progetti che però (sai com’ è) non sono supportati sul piano economico.

9-) Pisa, maggio 2003 cosa si muove?? Oltre al movimento dei batteristi di ceke e the zen circus?

Sono contento che i ceke si siano riformati dopo la breve pausa , e per gli zen(circus) è imminente il nuovo disco.
Per quanto riguarda la scena di Pisa , è ricca di bands interessanti potrei citare oltre a zen e ceke,waukees, el baron briago, lillayell, nobit…. , interessanti sono i gruppi nati dalle molte collaborazioni che nascono tra i musicisti, segno della voglia di suonare che c’è.
Anche la scena di livorno è molto prolifica con sonorità molto taglienti, Monotorakiki, appalooza, coi etc.

10-) Ho letto in giro dell’importanza di pisa, denominata epicentro dell’ esplosione del movimento punk toscano di circa 20 anni fa. Secondo voi, oltre all’incontro di culture diverse tramite le università, quali sono i motivi di questa detonazione nella citta’? Adesso, cosa rimane di quei momenti, conoscete dei gruppi di allora, ex-componenti?

A pisa c’è stata una forte cultura punk e credo per quanto sia calata nella maggior parte della gente esiste ancora.
Le Persone devono pensare all’abbigliamento del venerdi’ sera e questo non è molto punk.
Diciamo che quelli che ci sono se la stanno cavando benissimo ma tra mille problemi. La cultura musicale si è uniformata ai gusti di mtv , e pur essendoci a Pisa, Livorno e dintorni gruppi validissimi (che farebbero il culo anche alle bands americane) non vengono valorizzati, non si fanno suonare perché c’è sempre la solita storia della mancanza di spazi. Non abbiamo neanche più il nostro centro sociale, bruciato per comodi giardinetti.

11-) The bugz 1995-2003 un bilancio di questi anni sul furgone. Sono aumentate le attenzioni da parte del pubblico? Attualmente, rispetto agli inizi, è più facile proporre un proprio repertorio??

In questi anni ci siamo divertiti molto , abbiamo anche imparato alcune cosette che ci sono tornate utili.
Di solito quando la gente ci sente suonare, in un modo o nell’altro si diverte, o per la carica di simpatia irresistibile o per le belle presenze.
Quindi la risposta è positiva. Molte volte non è facile avere un repertorio proprio, per la fiducia di quelli che ti fanno suonare  ,che vogliono far rosolare i clienti con la stessa musica che passa ai media 100 volte al giorno, senza supportare chi scrive musica e intraprende un discorso costruttivo.

12-) Polaroid di un vostro concerto, raccontateci qualche episodio particolare durante un’esibizione?

Ce ne sono milioni, ma partiamo da quella volta che iniziammo un concerto in cui intro doveva essere un pezzo solo di batteria che durava un po’.Sale prima Alessio e inizia l’intro , poi emiliano tutto pomposo io uguale, ma quando arriva l’attacco , nel momento della massima fierezza , non funzionava niente, quindi l’intro di batteria è durato una mezz’oretta ,mentre noi due stavamo cercando di capire il problema.

13-) Senza togliere niente agli altri componenti della band, la persona che calamita l’attenzione è senz’altro FUFU: chi si cela dietro questa sigla, chi è, cosa combina quando non suona il basso, cosa mangia?? siamo curiosissimi!

Il nome fufu deriva dall’ antica parlata dei fufesi che aggiungevano una simpatica effe a tutte le consonanti.
La sua alimentazione consiste: tonno palmera con piselli o fagioli , insalatissime riomare contornate dalle sue immancabili crocchette buitoni integrali, con ketcup e maionese.
Niente acqua ma estatè
Comunque è il figlio che ogni madre vorrebbe da strizzare.

14-) Progetti futuri

Innanzi tutto suonare in giro , preparare il nuovo lavoro e trovare etichetta.

15-) Come chiedevo ai monotorakiki 20 giorni fa, secondo voi le case discografiche si sveglieranno mai?

Le case discografiche pensano e agiscono in base ai soldi, ti considerano se hai il potenziale di vendere su larga scala, cosi’ da sotterrare da ormai molti decenni le scene musicali artistiche che veramente si sviluppano nella società.

16-) io ho finito, aggiungete i contatti per richiedere i vs cd.

sito internet www.thebugz.3000.it
oppure
cristiano 3408547854
alessio 3398270397
emiliano 3200578596

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: