FromScratch-etichetta indipendente – intervista

FromScratch-etichetta indipendente – intervista

23-01-04 di Marco Bicchierini

1-) Data di nascita dell’etichetta ?

Novembre 2002

2-) Qual’ è stata la scintilla che vi ha portato a fondare una etichetta indipendente?

La cosa è iniziata quando Alez Frassanito ha deciso di creare fromscratch come agenzia di booking per miranda, slope, appaloosa, can-d e totheansaphone, cui poi si sono aggiunti tanake e di recente uber e asscult press.
A quel punto il sottoscritto, Roberto e Maurizio dei tanake, abbiamo deciso di unirci a lui per occuparci anche di produzione.
Ora le strade con i tanake si sono separate, per cui siamo rimasti io e alez più tanti altri amici che ci danno una mano.
Insomma storia abbastanza travagliata… L’idea resta quella di documentare e supportare musiche che riteniamo originali e fuori dal coro…

3-) Come avviene la ricerca ed il reclutamento delle vostre band, quali canoni devono seguire x piacervi?

Non cerchiamo e non scopriamo bands promettenti. L’idea è di avviare collaborazioni prima umane e poi musicali con gruppi e musicisti, il resto nasce naturalmente. Capita spesso di rapportarci con gruppi che ci piacciono musicalmente ma con cui non ci sono altri tipi di affinità, con cui non scatta la scintilla e in questi casi di solito non se ne fa niente.
Insomma non siamo talent scouts, siamo solo appassionati di musica che si danno da fare per promuovere realtà che ritengono valide.
Tutto qui.

4-) Cercate di riassumere le vostre band, parlatene un po’.

Inizio con i Miranda (in cui suono chitarra e voce). I riferimenti sono al post-noise di gruppi come 90 day man del primo album, agli unwound e simili. Anche se ora sono in corso grossi cambiamenti per l’entrata nel gruppo di un nuovo batterista (Nicola già con i Toy Koe), i pezzi saranno + corti e più folli.
Inside the whale è stata la prima produzione di fromscratch.
I Tanake hanno costituito una grossa parte della breve storia di fromscratch, purtroppo per svariate divergenze più personali che musicali, sono usciti.
Comunque sono una delle migliori jazzcore band italiane.
Gli Uber, ultimi arrivati, fanno una fantastica miscela tra quadrature post-rock chiacagoane e melodie sghembe alla joan of arc. Penso che saranno la nostra prossima produzione.
I can-d
. non so se riuscirammo mai ad incidere un album, hanno i loro tempi… fanno un no-wave punk melodico, esilarante e divertente. Inoltre dal vivo hanno un performer (Davide) che si diletta con balli e spogliarelli. Dal vivo vi assicuro che sono imperdibili.
Gli Slope spero riprendano a fare concerti quanto prima, sono alle prese anche loro con cambio di formazione (sostituiscono il chitarrista con un pianista). Ancora non ho sentito niente delle cose nuove, quindi non so cosa ci proporranno…
I Totheansaphone sono il miglior gruppo no wave italiano (non sono solo io a dirlo) e fanno il culo anche a diversi gruppi americani.

5-) Oltre a quello strettamente discografico, quali aspetti curate dei vostri gruppi? Grafica del disco, booking etc etc?

Quello live innanzitutto. Alez fa un grosso lavoro per trovare concerti dal vivo. Ti assicuro che non è facile suonare in Italia. Nonostante di solito siamo disposti a spostarci per cachet insignificanti è dura trovare concerti.
Inoltre Alez organizza piccole performance elettroacustiche e mostre alla nostra sede di Arezzo, tutti venerdì sera per la serie “A BASSO VOLUME”.
Io invece mi occupo dell’ufficio stampa e della produzione vera e propria. Non abbiamo uno studio (anche se con il tempo lo avremo) quindi di volta in volta cerchiamo qualcuno che ci ospiti nel suo magazzino o stalla per registrare. Stiamo cercando una stalla per prossime registrazioni congiunte miranda/totheansaphone
Le fromSCRATCHsession (da cui abbiamo tratto materiale per collisioni in cerchio) le abbiamo fatte nel magazzino di casa di andrea (sax nei tanake), il cui apporto è stato essenziale per la riuscita del lavoro.
Per l’aspetto grafico di volta in volta vediamo chi se ne occupa, se noi o il gruppo…

In definitiva cosa offrite alle bands?

Al momento siamo in grado di produrre o coprodurre il loro lavoro (dando anche una mano per registrazione e missaggi), promuoverlo e fare loro booking.
Ci sforziamo di dare una mano su tutti gli aspetti, perciò preferiamo avere poche bands…

6-) La fromscratch ha delle priorità particolari riguardo ad alcuni generi, oppure niente riserve basta che chi ho davanti dia emozione?

Nessuna preclusione per generi e penso che la nostra prima compilazione “Collisioni in cerchio” lo dimostri.
Ci piace la musica intelligente.
L’essenziale è che ci siano delle buone ideee (merce rarissima!).

7-) Quali sono le etichette internazionali e nazionali che stimate?

jade tree, touch & go, dischord, constellation, skin graft, ecc.
Tra le italiane wallace, bar la muerte, burp, psychotica, raving records.

😎 Spese di un’etichetta indipendente; se volete, parliamo di cifre da sostenere.

Il disco di solito lo registriamo noi, non abbiamo soldi per uno studio. Questo ci permette di lavorare con calma e senza ansie da prestazione (ah ah).
Per stampare un disco ci vogliono circa 1200/1400 euro. aggiungi qualche centinaia di euro per spese di promozione.
Al momento non facciamo pubblicità.
Il resto si basa sull’aiuto volontario e gratuito di amici e conoscenti…

9-) Dedicherete le vs energie solo alla musica italiana, oppure siete aperti a collaborazioni europee?

Siamo aperti da questo punto di vista. per ora però lavoriamo con musicisti che conosciamo bene e che sono geograficamente vicini…

10-) Progetti futuri?

Un disco a due mani che vede coinvolti miranda e totheansaphone. Ancora non sappiamo se sarà un disco registrato dal vivo o in studio.
Sarà il secondo volume dell fromSCRATCHsessions, il primo esce ora e vede la partecipazione di enfance rouge, zu, tanake, freetto meesto, twig infection, miranda, jealousy party, uber, ronin e cods, totheansaphone, can-d, Zighi Zog Bau, appaloosa e slope.
Poi è in definizione l’uscita dell’esordio discografico degli Uber.

11-) Quando non ascoltate musica per lavoro, cosa ascoltate?

Diciamo innanzitutto che non ascoltiamo musica per lavoro, perchè l’etichetta è un hobby e spero rimanga sempre tale.
Personalmente nell’ultimo periodo sto ascoltando molto alan lich, gli us maple, i need new body, i wilco, velvet underground, miles davis, rechenzentrum, skatalites, ornette coleman, the ex.
Avrai capito che non ho molte preclusioni di genere…

:: Contatti per raggiungervi ::
Per booking, performace “a basso volume” e mostre ad Alez Frassanito, alez@fromscratch.it – 0575401087 per produzioni e ufficio stampa a giuseppe caputo, giuse@fromscratch.it – 0557130239 – Arezzo

|| www.fromscratch.it ||

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: