– Yuppie Flu – 5/7/2003 – Firenze

:: Parole del dopo concerto nel ritorno a casa ::

Ale – a me sono piaciuti così così…

Zu –  beh, ero in attesa del loro concerto, me li sono persi quest’ inverno a Livorno nella rassegna Livorno Brucia, e non volevo perderli di nuovo. Ho letto recensioni, ho ascoltato il disco “days before the days” e diciamo che erano molte le aspettative,  mi sono piaciuti ma meno di quello che pensavo.

Ale – la prima parte del concerto è stata “moscia” rispetto alla seconda, anche se hanno suonato solo 50, 55 minuti, non trovi?

Zu – si, bisogna ammetterlo, anche se qualche canzone distorta c’ha fatto muovere le teste, la seconda parte è stata maggiormente coinvolgente. Pensavo almeno i bis tornassero a farli. Noi eravamo lì ad aspettarli. 

Hanno tre album da dove poter attingere a piene mani invece niente. Firenze poteva essere un palco importante ma c’è da dire che eravamo in pochi sotto al palco…..

Ale – i pezzi del nuovo cd dal vivo però, sono migliori. Hanno più “tiro”, sono più “pompati”, e quindi meno noiosi. Dovrebbero, secondo me, cercare di dare più carica al suono anche nelle incisioni.

Zu –  leggendo in giro mi sembra di aver capito che prima erano piu’ rocker, via via hanno inserito elettronica minimale nelle loro canzoni. Essendo il tour di promozione dell’ultimo album hanno dato importanza a questi pezzi meno pompati ma piu’ melodici.

Ale – la voce è piuttosto monocorde, anche se particolare. Tende ad appiattire un po’ i pezzi, che invece, spesso sono buoni.

Zu – A me quella voce scalda, – come se ce ne fosse bisogno (40 gradi a Firenze) – l’ hanno definita svogliata, macerata etc etc,  diciamo che è un po’ la loro particolarita’ con quella pronuncia biascicata e moolto nasale. In Italia sembra una cosa nuova, strana ma fuori è una formula collaudata non solo americana.

Ale – probabilmente suonare in un contesto del genere non è il massimo, è vero…

Zu – il gruppo deve cantare schivando gli urli del gioco del maialino, venditori di spezie, kebab etc etc… annotazione particolare va fatta per il pubblico quasi assente al concerto; per una citta’ come Firenze, con due radio sul territorio sintonizzate su suoni non commerciali e quindi attente alle novita’, mi aspettavo una partecipazione maggiore.

Ale – io ho sentito, come ti ho detto, echi di Dinosaur Jr., Coldplay e perfino Smashing Pumpkins. Senza negare però, che sono risultati piuttosto personali. Anche se, diciamolo una volta per tutte, è sempre brutto, specialmente quando si parla di gruppi italiani, citare cascate di riferimenti, specialmente di band straniere.

Zu – Assolutamente d’accordo sul non citare i nomi..…via un nome lo faccio forse un po’ di notwist….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: